NEL CENTRO A.P.S.

Centro di meditazione della Via dello Zen

Il Dōjō Zen “Chūshin” ospita l’associazione di promozione sociale “Nel Centro”, un luogo della cultura in cui la tradizione giapponese del Buddhismo Zen e la ricerca di sostenibilità della società occidentale si incontrano in un centro di meditazione aperto a tutti.

“Nel Centro” è un’associazione no-profit di utilità sociale fondata sul volontariato. Tutte le nostre attività indipendenti da fondi statali o di altri enti sono realizzate senza scopo di lucro.

Il Buddhismo, nella sua essenza, non è da intendere come una religione. Il Buddhismo sottolinea come gli insegnamenti siano validi fintanto che si dimostrano attendibili ed attuali (Dalai Lama, 1991). Nel ventesimo e ventunesimo secolo, l’empirismo del Buddhismo ha cominciato a incontrarsi e a fondersi con la tradizione scientifica occidentale. 

Lo Zen è una tradizione spirituale giapponese fondata sulla meditazione trasmessa dal Buddha storico. Assimilata e affinata dalla tradizione basata sul suo insegnamento e che ne assume il nome, il buddhismo Zen. La corrente del buddhismo nota per aver custodito e trasmesso la Via del raccoglimento meditativo anche nella complessità del vivere immersi nel mondo, senza doversi ritirare dalla società, o dover compiere scelte di vita estreme. Promuovendo la sostenibilità sociale, ambientale ed economica come stile di vita. Niente di più attuale oltre che necessario.

Il Dōjō Zen Chūshin trasmette la disciplina della meditazione attraverso la Via dello Zen, sia nella tradizione originaria insegnata dal Buddha e dai suoi eredi del Dharma sia nelle differenti forme delle arti meditative della cultura giapponese che racchiudono il cuore della spiritualità buddhista promuovendo incontri di Shōdō (L’arte della calligrafia a pennello e inchiostro su carta di riso), di Sumi-e (pittura Zen), di Kadō (l’arte giapponese di disporre i fiori in un vaso), di Shinrin-yoku (l’immersione meditativa nei boschi e nelle foreste della tradizione terapeutica Zen), di Shojin Ryori (la cucina dei monasteri Zen), di Origami (l’arte giapponese di piegare la carta come pratica meditativa) e di Shiatsu (l’arte Zen del riequilibrio energetico).

Il Dōjō, inoltre convive armoniosamente con l’associazione di promozione sociale “Nel Centro”, un luogo della cultura, ma anche di ricerca e di sperimentazione aperto a tutte le tradizioni meditative antiche e moderne e alle contaminazioni tra lo Zen e altri percorsi di consapevolezza affini ai principi buddhisti. Senza fondamentalismi. Con sufficiente esperienza per distinguerci dal semplice consumismo spirituale.

Per questo al Dōjō possiamo trovare la pratica di una particolare forma di vinyasa il Tao yoga, una variante dell’antica disciplina indiana che nel corso dei secoli giunge in Cina assimilando i principi del Tao e integrata dai monaci buddhisti con i quali si diffonde in Giappone dove si arricchisce ulteriormente; la mindfulness incorporata dalla psicologia contemporanea a scopo terapeutico nella gestione delle disarmonie psicofisiche; lo Zen coaching, un servizio di orientamento fondato sul coaching professionale che attinge dalla psicologia buddhista sviluppata nella tradizione Zen.

“Nel Centro” è la traduzione in italiano del termine sino-giapponese 中心 “Chūshin” formato dagli ideogrammi 中 chū che significa centro e 心 shin che significa cuore. Insieme indicano letteralmente il centro del cuore secondo la filosofia buddhista sede dell’equanimità, in sanscrito upekṣā.

Essere nel centroè l’espressione dell’equanimità associata alla stabilità emotiva radicata nell’equilibrio psicofisico e che ci permette di rimanere centrati nel momento presente. La centratura che deriva dalla forza interiore della presenza ferma della calma, della fiducia e della consapevolezza. Attitudine che si coltiva attraverso la pratica della meditazione.

Upekṣā non è un pensiero né un’emozione, è piuttosto la costante consapevolezza cosciente della caducità della realtà. È il terreno per saggezza e libertà e il protettore di compassione e amore. Mentre alcuni possono pensare all’equanimità come alla neutralità secca o al freddo distacco, l’equanimità matura e produce uno splendore e un calore dell’essere. Il Buddha ha descritto una mente piena di equanimità come “abbondante, estatica, incommensurabile, senza ostilità e senza cattiveria”.

Il vero significato di upekṣā è equanimità, non distacco nel senso di indifferenza per gli altri. In quanto virtù spirituale, upekṣā significa stabilità di fronte alle fluttuazioni della qualità della vita. È l’uniformità del pensiero, l’irremovibile libertà della mente, uno stato di equilibrio interiore che non può essere turbato da guadagni e perdite, onore e disonore, lodi e rimproveri, piacere e dolore. Upekṣā è libertà dall’egoismo; indifferenza solo al desiderio di brama di piacere e posizione, non al benessere dei propri simili. La vera equanimità è l’apice dei quattro atteggiamenti sociali o ‘dimore divine’.

Nel buddhismo l’equanimità (upekṣā) è considerato uno dei quattro atteggiamenti sublimi, insieme a amorevolezza (maitri), compassione (karuṇā), e gioia (mudita).

Attività meditative presso il Parco del Monte Arci

L’associazione con fini culturali, ricreativi e di promozione sociale nasce come unione spontanea di persone che intendono perseguire e vivere i principi della realizzazione del sé attraverso lo sviluppo armonico di tutte le potenzialità dell’individuo condividendo fini spirituali e di ricerca, favorendo e sperimentando condizioni di vita basate sulla fratellanza, l’amicizia, il buon senso ed il parlare bene degli altri. Il sodalizio si fonda altresì sulla libertà di pensiero e vuole creare le condizioni, attraverso la fiducia, il rispetto e la solidarietà, per la formazione di individui autonomi, i cui rapporti reciproci siano regolati dalla conoscenza in piena armonia con l’ambiente naturale.

Estratto dallo Statuto Sociale dell’Associazione di Promozione Sociale “Nel Centro”

Il buddhismo zen si concentra sul percorso spirituale dell’uomo nel qui ed ora per questo non conferma e non nega i temi della trascendenza e non prende in esame le varie credenze del soprannaturale o del paranormale. Attingendo dalla tradizione del Buddhismo con un approccio contemporaneo volto alla realizzazione dei principi della meditazione nella vita quotidiana, con lo studio applicato ai giorni nostri, non solo come semplici nozioni intellettuali, della filosofia buddhista, il Buddhadharma spiegato in termini concreti e accessibile a tutti senza doversi distaccare dalla realtà ma cogliendola da un punto di vista più ampio.


Lo Zen attinge dagli insegnamenti
del Buddhismo Mahayana,
la stessa tradizione da cui attinge
la scuola tibetana del Dalai Lama.

Il Dōjō Zen Chūshin opera con l’obiettivo di portare chiarezza dopo tutti i pregiudizi e falsi miti diffusi in merito allo Zen dall’utilitarismo della società occidentale, dal consumismo, dai maestri auto-proclamati, dalla disinformazione dei media e dal nuovo fast food del benessere psicofisico e spirituale. Oltre a smascherare psico-sette, incompetenti auto-referenziati, falsi guru e santoni narcisisti che lucrano e creano confusione sminuendo l’integrità delle antiche tradizioni dell’Asia.

Le evidenze scientifiche sugli effetti positivi della pratica dello Zen sull’essere umano sono state dimostrate e documentate dal neurologo e praticante Zen statunitense James H. Austin nel suo studio “Zen and the Brain“.

Il Centro di meditazione Zen è realizzato per una totale immersione nelle discipline orientali. Lo Zendō, la sala dedicata alla pratica dello Zen, riprende le linee minimaliste delle abitazioni tradizionali giapponesi in stile Washitsu (和室) caratterizzato da pannelli paravento in legno e carta di riso (shōji) che filtrano i raggi solari rendendo la luce tenue e calda. Mentre il pavimento in paglia di riso intrecciata e pressata (tatami) trasmette una sensazione molto piacevole e rilassante.

Centro Studi e pratica della Via dello Zen

Tel. 366.37.5Ø.ØØ1 - info@nelcentro.it

Nel Centro è un associazione senza scopo di lucro autofinanziata dai propri soci. I contributi di partecipazione alle attività culturali sono calcolati in funzione ai costi indispensabili per la loro fruizione. Il Dojo Zen Chūshin “Nel Centro” nasce con l’intento di custodire e trasmettere la Via dello Zen sia nei suoi principi tradizionali, sia nelle sue declinazioni moderne associate alla psicologia, al benessere psicofisico, al sostegno nello sport e nel lavoro come in ogni momento della vita quotidiana.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di nelcentro.it maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi