Mindfulness 念

Mindfulness 念 è un metodo per sviluppare l’attitudine meditativa utile per prendersi cura di sé attraverso l’applicazione di esercizi per l’equilibrio psicofisico e l’esplorazione dei propri schemi mentali ricorrenti. Ad ogni incontro si svolgono esercizi di consapevolezza del corpo, della mente, degli stati d’animo, del respiro. Mindfulness si basa sull’apprendimento delle tecniche sviluppate dalla tradizione spirituale orientale come la meditazione, lo yoga dolce, l’esplorazione dei koan. Volte a scopo terapeutico. Al fine di padroneggiare strumenti semplici ed efficaci per il miglioramento della qualità della vita.

  • Utile a combattere lo stress cronico; 
  • gestire le emozioni negative;
  • riconoscere gli schemi mentali limitanti.

Non solo un corso di meditazione ma un approccio alla vita quotidiana con più positività, fiducia e consapevolezza. Il corso di meditazione Mindfulness é rivolto a chi desidera apprendere una pratica di miglioramento del proprio benessere.

GRUPPO MINDFULNESS

(Inizio del percorso Marzo 2019)

Premessa

Il gruppo mindfulness nasce dall’idea di promuovere la consapevolezza e il riconoscimento delle proprie emozioni. L’attenzione sarà centrata sul proprio sé e sul proprio funzionamento nelle differenti situazioni di vita quotidiana in cui si sperimentano spesso le difficoltà di relazione con gli altri nei contesti familiari, sociali, affettivi.

Obiettivi generali

Negli incontri di gruppo ogni partecipante avrà la possibilità di esplorare i propri vissuti personali; sarà guidato e sostenuto dal conduttore e dalle interazioni del gruppo stesso a far emergere le proprie competenze e trovare stili di comunicazione più efficaci e funzionali per raggiungere un maggiore benessere personale.

Metodologia e strumenti

Lo strumento principale è il gruppo in cui verranno affrontate le dinamiche relazionali in un clima di accettazione e fiducia facilitando il confronto attivo dei partecipanti. Per favorire il percorso di crescita personale e di consapevolezza di atteggiamenti rigidi e difensivi si utilizzeranno tecniche di respirazione e di rilassamento, esercizi di yoga, shiatsu, meditazione.

Fasi

Al gruppo potranno partecipare max 10 persone, gli incontri avverranno a cadenza settimanale con una durata di due ore; una parte del tempo è dedicata al lavoro individuale e di confronto tra i partecipanti; la seconda parte sarà dedicata alle tecniche di Mindfulness.

Operatori

Davide K. Colombu monaco buddhista Zen professionista nelle tecniche meditative;

Dott.ssa Giuliana Manis laureata in psicologia, specialista del comportamento emozionale.

Corso a numero chiuso è richiesta l’iscrizione. Per informazioni chiamare al 366-3750001 o scrivere a info@nelcentro.it

Mindfulness, significa essenzialmente “consapevolezza” dei propri pensieri, azioni e motivazioni.

Mindfulness è una modalità di prestare attenzione, momento per momento, nell’hic et nunc, intenzionalmente e in modo non giudicante, al fine di risolvere (o prevenire) la sofferenza interiore e raggiungere un’accettazione di sé attraverso una maggiore consapevolezza della propria esperienza che comprende: sensazioni, percezioni, impulsi, emozioni, pensieri, parole, azioni e relazioni.

Migliorare questa modalità di prestare attenzione permette di cogliere, con maggiore prontezza, il sorgere di pensieri negativi che contribuiscono al malessere emotivo. La padronanza dei propri contenuti mentali e degli stili abituali di pensiero (capacità di automonitoraggio e metacognizione) permette maggiori possibilità di esplorazione, espressione e cambiamento di tali contenuti.

Una gran quantità di pensieri negativi deriva dalla critica che il soggetto fa a se stesso per il fatto di sentirsi ansioso, depresso o a disagio. Ai pensieri negativi (primari) che alimentano i disagi emotivi, si aggiungono ulteriori pensieri improduttivi (secondari) su di sé. Questo meccanismo di autoaccusa e autobiasimo genera una spirale che dà origine al ruminio depressivo. La persona si pone così in una condizione di nemica di se stessa, anziché di alleata di se stessa.

L’allenamento della consapevolezza permette di affinare l’attenzione verso questi meccanismi che deteriorano l’umore e depotenziano le capacità di ripresa psicologica o la prevenzione delle recidive depressive.

Di notevole interesse è la mole di evidenze scientifiche che attestano gli effetti della pratica meditativa assidua su alcune strutture anatomiche chiave del cervello adibite alla regolazione delle emozioni e sull’attività cellulare di interi distretti dell’organismo. Da una recente rassegna bibliografica sono stati evidenziati:

  1. incremento e rimodulazione dell’attività della corteccia del lobo prefrontale sinistro (sede delle emozioni positive);
  2. incremento e rimodulazione dell’attività dei nuclei profondi dell’emisfero destro (parte intuitiva e digitale dell’esperienza esistenziale e percettiva) e dell’amigdala (struttura cerebrale collegata all’esperienza della paura);
  3. intervento neuro-modulato da citochine e altri neuromodulatori e glucocorticoidi sugli assi ipofisiari e sulla secrezione dicortisolo;
  4. modulazione adattiva dell’immunità cellulo mediata;
  5. effetti protettivi sul DNA, mediati da un aumento dell’attività della telomerasi.

Che cos’è la Meditazione mindfulness?

Quando parliamo di “meditazione mindfulness” ci riferiamo a uno stato di consapevolezza che si ottiene concentrando la propria attenzione al momento presente. E’ un modo di essere aperti alla nostra esperienza per come essa ci si presenta, attimo dopo attimo. Secondo Jon Kabat Zinn, professore emerito alla facoltà di Medicina dell’Università del Massachusetts, vivere in piena consapevolezza significa:

abbracciare la propria vita in tutta la sua ricchezza trovandovi uno spazio per crescere in forza e saggezza.

La nostra educazione, i nostri condizionamenti e certi automatismi ci spingono ad angosciarci quando la vita é difficile e a non (sempre) assaporarla quando è piacevole. Inoltre, il nostro istinto mentale spesso ci porta altrove rispetto a dove siamo (nel passato, nel futuro), con il risultato che molte volte siamo estranei alla nostra vita.

Il primo passo consiste nell’imparare a rallentare. Ci siamo sempre meno abituati, essendo continuamente presi da qualche attività e sopraffatti da pensieri automatici.

La Mindfulness ci propone tappa dopo tappa, di governare la nostra capacità di attenzione e di ricollegarci a tutti i nostri sensi e vivere consapevolmente tutte le nostre emozioni.

Il corso di meditazione Mindfulness non è una psicoterapia, pertanto non svolge interventi professionali di questo tipo. In caso di patologie rivolgersi al proprio medico curante prima di usufruire del corso di meditazione Mindfulness.